Emoji

Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 2017, vedi Emoji - Accendi le emozioni.
Abbozzo Giappone
Questa voce sugli argomenti Giappone e internet è solo un abbozzo.
Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia. Segui i suggerimenti dei progetti di riferimento 1, 2.
Abbozzo internet
Emoji GRINNING FACE (volto sorridente) del font Noto[1], utilizzata in alcuni prodotti Google[2]

Gli emoji (絵文字?) sono simboli pittografici, simili alle emoticon, divenuti popolari in Giappone alla fine degli anni 1990. Il nome deriva da e (絵, immagine) e moji (文字, carattere).[3] Gli emoji sono utilizzati sia negli SMS che nelle e-mail.[4]

Storia

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Implementazione delle emoji.

Il primo set di emoji fu creato nel 1997 dall'operatore telefonico giapponese J-Phone.[5] Il CEO di SoftBank, la compagnia che aveva acquistato Vodafone Japan, che a sua volta aveva acquistato J-Phone, convinse Apple a inserire gli emoji all'interno dell'iPhone fin dalla sua distribuzione nel 2008.[6] Gli emoji furono poi distribuiti internazionalmente nella quinta versione di iOS, disponibile nel 2011.[7]

Spesso l'ideazione degli emoji è erroneamente attribuita a Shigetaka Kurita, un membro del team che si occupava della piattaforma i-mode della NTT DoCoMo.[5][8] Questo set, reso disponibile nel 1999, era composto di 172 emoji da 12x12 pixel.[7]

Secondo un'analisi effettuata dall'Unicode Consortium, la faccina con lacrime di gioia è l'emoji più utilizzata.[9]

iOS

Lo smartphone di casa Apple, l'iPhone, con l'aggiornamento del firmware 2.2, ha introdotto il supporto degli emoji. Apple però aveva deciso di renderli disponibili solo per i terminali giapponesi e fruibili dai terminali internazionali solo grazie ad applicativi di terze parti reperibili sull'App Store o tramite jailbreak.

A partire da iOS 5, la tastiera emoji è presente in modo predefinito nel sistema operativo.[10] Per abilitare tale funzione, è sufficiente aggiungere la tastiera emoji nelle impostazioni generali, all'interno del menu Tastiere internazionali.[11]

macOS

A partire da OS X Lion, Apple ha introdotto l'utilizzo degli emoji nel suo sistema operativo attraverso il pannello Caratteri speciali… nel menù Composizione (di solito richiamabile con la combinazione di tasti ⌘+⌥+T nelle applicazioni appositamente sviluppate per tale OS).[12]

Android

Sui dispositivi Android sono disponibili numerose app di terze parti, alcune delle quali disponibili su Google Play, che prevedono il supporto degli emoji.

Dalla versione 4.4, denominata KitKat, la funzionalità è inclusa nell'applicazione Google Keyboard.[13][14]

Windows

Niente fonti!
Questa voce o sezione sull'argomento informatica non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.

Windows 8 e versioni successive supportano completamente gli emoji presenti in Unicode tramite il font Segoe UI. È possibile accedere ai caratteri Emoji tramite il tasto “smiley” della tastiera su schermo. Da Windows 8.1 Preview, Segoe UI fornisce le emoticon a colori. A differenza di macOS e iOS gli emoji vengono visualizzate solamente quando l'applicazione supporta le API DirectWrite di Microsoft e Segoe UI Emoji, diversamente appaiono monocromatici.

In Windows 10 è stato aggiunto il supporto per i modificatori e altre modifiche per aumentare la consistenza tra piattaforme. Windows 10 Anniversary Update, include una completa riprogettazione di ogni emoji nel font Segoe UI Emoji. È stato inoltre aggiunto il supporto a Unicode 9.0 e oltre 50.000 combinazioni per famiglie monoparentali e multirazziali. Windows 10 Creators Update ha aggiunto il supporto ad Emoji 4.0[non chiaro].

Note

  1. ^ (EN) noto - Fonts that support all languages/characters in Unicode
  2. ^ (EN) Replace emoji with opensource versions
  3. ^ (EN) Unicode Technical Report #51: Unicode Emoji
  4. ^ (EN) New in Labs: Extra emoticons
  5. ^ a b (EN) Correcting the Record on the First Emoji Set, su Emojipedia, 8 marzo 2019.
  6. ^ (EN) Sam Byford, How the iPhone won over Japan and gave the world emoji, su The Verge, 29 giugno 2017.
  7. ^ a b (EN) Jeff Blagdon, How emoji conquered the world, su The Verge, 4 marzo 2013. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  8. ^ (EN) Mayumi Negishi, Meet Shigetaka Kurita, the Father of Emoji, su The Wall Street Journal, 26 marzo 2014.
  9. ^ (EN) The Most Frequently Used Emoji of 2021, su Unicode, Unicode Consortium. URL consultato il 26 gennaio 2023.
  10. ^ (EN) Supporting iOS 5 New Emoji Encoding
  11. ^ (EN) iOS: Understanding emoji
  12. ^ (EN) iOS: Troubleshooting emoji issues
  13. ^ (EN) Emoji everywhere
  14. ^ Google Keyboard su Google Play

Voci correlate

Altri progetti

Altri progetti

  • Wikizionario
  • Wikimedia Commons
  • Collabora a Wikizionario Wikizionario contiene il lemma di dizionario «emoji»
  • Collabora a Wikimedia Commons Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su emoji

Collegamenti esterni

  • emoji, su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. Modifica su Wikidata
  • (EN) Emoji Symbols: Background Data - Background data for Proposal for Encoding Emoji Symbols
  • (EN) Emoji su FileFormat.info
  • Emanuele Menietti, Come nascono gli emoji, su Il Post, 22 ottobre 2015.
  Portale Giappone
  Portale Internet