The X Factor (album)

Niente fonti!
Questa voce o sezione sull'argomento album heavy metal non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.
The X Factor
album in studio 22
ArtistaIron Maiden
Pubblicazione2 ottobre 1995
Durata71:07
Dischi1
Tracce11
GenereHeavy metal
EtichettaEMI
ProduttoreSteve Harris, Nigel Green
RegistrazioneBarnyard Studios, Essex
FormatiCD, 2 CD, LP, 2 LP, MC, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 60 000+)
Iron Maiden - cronologia
Album precedente
(1994)
Album successivo
(1996)
Singoli
  1. Man on the Edge
    Pubblicato: 25 settembre 1995
  2. Lord of the Flies
    Pubblicato: 2 febbraio 1996

The X Factor è il decimo album in studio del gruppo musicale britannico Iron Maiden, pubblicato il 2 ottobre 1995 dalla EMI.

Descrizione

È l'album che vede l'importante avvicendamento al microfono di Blaze Bayley al posto di Bruce Dickinson. In merito al titolo dell'album il bassista Steve Harris ha dichiarato che, ogni volta che sta per essere fatto un disco del gruppo, il titolo è una delle ultime cose ad essere scelta, restando, quasi fino alla fine, il fattore "x", l'incognita (The X Factor). Considerando che questo risultava essere il decimo album e che regnava una grande incertezza legata al debutto di Bayley fu deciso di usare l'incognita.

Dopo l'album Fear of the Dark, gli Iron Maiden proseguono la saga con un album che in molte analogie rimanda a Piece of Mind: come per quello storico album, anche in questo lavoro il titolo non proviene da nessuno dei brani inseriti.

La copertina dell'album mostra le fasi del processo di lobotomizzazione subita da Eddie: la mascotte del gruppo è immobilizzata sul letto di una sala operatoria nel momento in cui la calotta cranica viene rimossa e lascia scoperto il cervello. Tale scena che rimanda alla copertina di Piece of Mind dove Eddie era già stato ricucito e legato.

Tracce

Testi e musiche di Steve Harris, eccetto dove indicato.

  1. Sign of the Cross – 11:18
  2. Lord of the Flies – 5:05 (Steve Harris, Janick Gers)
  3. Man on the Edge – 4:14 (Blaze Bayley, Janick Gers)
  4. Fortunes of War – 7:25
  5. Look for the Truth – 5:12 (Blaze Bayley, Janick Gers, Steve Harris)
  6. The Aftermath – 6:19 (Steve Harris, Blaze Bayley, Janick Gers)
  7. Judgement of Heaven – 5:12
  8. Blood on the World's Hands – 5:58
  9. The Edge of Darkness – 6:37 (Steve Harris, Blaze Bayley, Janick Gers)
  10. 2 A.M. – 5:39 (Blaze Bayley, Janick Gers, Steve Harris)
  11. The Unbeliever – 8:02 (Steve Harris, Janick Gers)

Formazione

Gruppo
Altri musicisti

Classifiche

Classifica (1995-2021) Posizione
massima
Austria[2] 19
Belgio (Fiandre)[2] 19
Belgio (Vallonia)[2] 8
Croazia[3] 16
Finlandia[2] 2
Francia[4] 11
Germania[2] 16
Italia[5] 5
Norvegia[2] 25
Paesi Bassi[2] 29
Regno Unito[6] 8
Spagna[7] 21
Stati Uniti[8] 147
Svezia[2] 4
Svizzera[2] 27

Note

  1. ^ (EN) BRIT Certified, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato il 17 settembre 2015.
  2. ^ a b c d e f g h i (NL) Iron Maiden - The X Factor, su ultratop.be, Ultratop. URL consultato il 26 marzo 2017.
  3. ^ (HR) Lista prodaje 38. tjedan 2021. (13.09.2021. - 19.09.2021.), su top-lista.hr, Top Lista. URL consultato il 27 settembre 2021.
  4. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, su infodisc.fr, InfoDisc. URL consultato il 26 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2010). Selezionare "IRON MAIDEN" e premere "OK".
  5. ^ Classifica settimanale WK 40 (dal 29.09.1995 al 05.10.1995), su fimi.it, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 26 marzo 2017.
  6. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 08 October 1995 - 14 October 1995, su officialcharts.com, Official Charts Company. URL consultato il 26 marzo 2017.
  7. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  8. ^ (EN) Iron Maiden – Chart history, su Billboard. URL consultato il 26 marzo 2017. Cliccare sulla freccia all'interno della casella nera per visualizzare le varie classifiche.

Collegamenti esterni

  Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di heavy metal