Think Tank (Blur)

Think Tank
album in studio 22
ArtistaBlur
Pubblicazione5 maggio 2003
Durata55:58
Dischi1
Tracce14
GenereRock alternativo
Rock sperimentale
EtichettaFood Records, EMI, Parlophone
ProduttoreBlur, Ben Hillier, William Orbit, Norman Cook
FormatiCD, download digitale
Blur - cronologia
Album precedente
Blur: The Best Of
(2000)
Album successivo
Midlife: A Beginner's Guide to Blur
(2009)
Singoli
  1. Out of Time
    Pubblicato: 14 aprile 2003
  2. Crazy Beat
    Pubblicato: 7 luglio 2003
  3. Good Song
    Pubblicato: 6 ottobre 2003

Think Tank è il settimo album in studio del gruppo musicale britannico Blur, pubblicato il 5 maggio 2003 per l'etichetta Food Records.

Descrizione

Con questo album i Blur continuano nel loro periodo di sperimentazione dopo aver segnato il distacco dal britpop dei primi dischi. Lo stile di questo album è anche abbastanza lontano dal rock lo-fi di Blur (1997) e in esso è infatti ampio l'uso di campionamenti, loop e effetti di musica elettronica. Ci sono inoltre accenni al trip hop, all'hip hop, alla dub e alla musica africana.

Il disco è stato registrato tra il novembre 2001 e il novembre 2002 per una parte in Marocco e per altre sessioni a Londra e nel Devon. La produzione è stata curata principalmente da Ben Hillier, a cui si sono affiancati Norman Cook (Fatboy Slim) e William Orbit.

All'inizio delle sessioni di registrazione di questo disco, il chitarrista del gruppo, Graham Coxon, ha avuto dei problemi di alcolismo e, dopo essersi ripreso, si sono manifestati dei dissidi tra lui e Damon Albarn. Coxon ha per questo motivo lasciato il gruppo, incidendo poco sul lato artistico di Think Tank.

Albarn ha definito Think Tank un concept album i cui temi maggiormente ricorrenti sono la pace, la contrarietà alla guerra in Iraq, l'amore e la politica.

Durante i concerti che hanno seguito la pubblicazione dell'album, Simon Tong ha sostituito Coxon come chitarrista.

L'album ha ricevuto la nomination ai BRIT Awards 2004 come miglior album britannico e ha vinto il Q Awards come album dell'anno.

La copertina è tratta da un'opera del writer inglese Banksy. Proprio una tra le teorie più attendibili sull'identità di Banksy vorrebbe che il volto dietro al misterioso artista sia Jamie Hewlett inventore, insieme a Damon Albarn della band/cartoons dei Gorillaz. Quindi i sospetti che Albarn e Hewlett abbiano contribuito alla creazione di questo "mitico" ed invisibile artista è più che concreta. Infatti oltre che la copertina dell'album Think Tank dei Blur tracce di Banksy compaiono anche nel video musicale ufficiale dei Gorillaz per Tomorrow Comes Today. Hewlett è un disegnatore eccezionale e insieme ad Albarn hanno i mezzi e le capacità per un progetto del genere. A suffragio di questa ipotesi, un esperto forense ha affermato che Jamie Hewlett è senz'altro l'artista senza nome di Bristol. L'esperto, che ha chiesto di rimanere anonimo, dice che ha seguito tutti i flussi finanziari del maestro dei graffiti e ha potuto notare in modo inequivocabile che questi dati finanziari mostrano che un "J Hewlett" è associato a ogni azienda nota per essere collegata anche all'artista anonimo.La pubblicista di Banksy, Joanna Brooks, ha detto a Metro in un'e-mail: "Posso confermare che Jamie Hewlitt non è l'artista Banksy". L'esperto ha fatto notare che: “È Jamie Hewlett, non Hewlitt". L'esperto, sulla trentina, ha scoperto la pista dopo aver cercato in Companies House, un sito che registra le informazioni aziendali al pubblico, il mistero è decisamente risolto.

Tracce

Testi di Damon Albarn, musiche di Albarn, Alex James e Dave Rowntree, eccetto dove indicato.

  1. Ambulance – 5:09
  2. Out of Time – 3:52
  3. Crazy Beat – 3:15
  4. Good Song – 3:09
  5. On the Way to the Club (Albarn, James Dring, James, Rowntree) – 3:48
  6. Brothers and Sisters – 3:47
  7. Caravan – 4:36
  8. We've Got a File on You – 1:03
  9. Moroccan Peoples Revolutionary Bowls Club – 3:03
  10. Sweet Song – 4:01
  11. Jets (Albarn, James, Rowntree, Mike Smith) – 6:25
  12. Gene by Gene – 3:49
  13. Battery in Your Leg (Albarn, Graham Coxon, James, Rowntree) – 3:20

Formazione

Gruppo
Collaboratori
  • Bezzari Ahmed – rebab
  • Moullaoud My Ali, Mohamed Azeddine, Kassimi Jamal Youssef – oud
  • Phil Daniels – cori in Me, White Noise
  • Ben Hillier – percussioni
  • Gueddam Jamal – violoncello, violino
  • Abdellah Kekhari, Hijaoui Rachid, M. Rabet Mohamid Rachid - violino
  • Ait Ramdan El Mostafa – qanun
  • Desyud Mustafa – arrangiamenti orchestrali
  • El Farani Mustapha – tere
  • Dalal Mohamed Najib – darabouka
  • Mike Smith – sassofono

Classifiche

Classifica (2003) Posizione
massima
Australia[1] 30
Austria[1] 19
Belgio (Fiandre)[1] 19
Belgio (Vallonia)[1] 9
Danimarca[1] 11
Europa[2] 3
Finlandia[1] 15
Francia[1] 11
Germania[1] 8
Giappone[3] 14
Irlanda[4] 3
Italia[1] 4
Norvegia[1] 18
Nuova Zelanda[1] 27
Paesi Bassi[1] 52
Portogallo[1] 28
Regno Unito[5] 1
Stati Uniti[6] 56
Svezia[1] 44
Svizzera[1] 9

Note

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o (NL) Blur - Think Tank, su Ultratop. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  2. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Eurocharts, in Billboard, 24 maggio 2003, p. 45. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  3. ^ (JA) ブラーのCDアルバムランキング, su Oricon. URL consultato il 13 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2014).
  4. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Ireland, in Billboard, 31 maggio 2003, p. 81. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  5. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 11 May 2003 - 17 May 2003, su Official Charts Company. URL consultato il 13 dicembre 2018.
  6. ^ (EN) Blur – Chart history, su Billboard. URL consultato il 13 dicembre 2018. Cliccare sulla freccia all'interno della casella nera per visualizzare le varie classifiche.

Collegamenti esterni

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock